jump to navigation

Che vita è? 9 Giugno 2013

Posted by firebird76 in Argomenti vari.
Tag:, ,
trackback

Mi sembrava strano che un lavoro in un call center fosse migliore come atmosfera che quello dell’asl… ed invece mi rimangio tutto quello che ho pensato all’inizio tre mesi fa del mio secondo lavoro.
In poco più di tre mesi, siamo arrivati al dunque, nel senso che a fine maggio una collega del call center se ne andata e da allora, sia io che l’altra collega che lavora sulle chiamate verso il Belgio, siamo trattate da schifo… del genere, ci sentiamo dire che non lavoriamo bene, che cerchiamo delle scuse per fare poco, etc… quando in realtà nemmeno più le pause alle quale abbiamo diritto facciamo…
Io sono arrivata al dunque… fisicamente ed al livello di stress… vi spiego una mia giornata tipo… cosi capirete meglio…

Alzarmi alle 6.10, arrivare al primo lavoro dell’asl verso le 7.20, facendo l’accoglienza sono obbligata ad arrivare prima per prepararmi bene tutte le cose, non sapere mai se dovrò fare il lavoro di tre persona e se ci sarà qualcuno o no con me per svolgere l’accoglienza… perché ovviamente chi lavora con me è della pubblica amministrazione quindi i trattamenti e ritmi di lavoro sono molto diversi. L’essere chiamata in continuazione da tutti, utenti, medici, superiori, perché Muriel è una che si sbatte e piuttosto le scarichiamo qualche lavoro in più da fare… certi giorni nemmeno ho il tempo di andare in bagno… uscire da 4 ore li dentro stressata a morte, stanca morta… come se avesse fatto 12 ore di fila… guidare verso casa, farmi da mangiare, poi prepararmi e tornare a fare la stessa strada per andare al call center, arrivare li dentro dove c’è un calore da sauna, e stare seduta per 4 ore a ripetere le stesse cose nella mia lingua madre in una velocità spaventosa, stressando cosi chi chiamo e non ricavandoci nulla perché devo fare indice e il piu chiamate possibile ma tanto non bastano mai lo stesso… ormai le due belge fanno schifo a lavorare è una settimana che non sento altro… e mi sto rompendo… arriverò ad un livello che o gli dico quel che penso, o faccio fare uno scritto per mobing… perché sono loro che gestiscono male le cose e la colpa ricade su di noi… non m’interessa non ti vado più a genio, a fine mese lasciami a casa… non mi farò di certo venire un esaurimento nervoso per i tuoi umori!!!
Torno spesso a casa quasi alle 21 di sera, dovendo pure guidare…. stanca con le lacrime agli occhi per avere questi pocchi spiccioli in più che non mi fanno di certo vivere meglio anzi…

Ecco perché è quasi un mese che non scrivo più qui… sono stanca di tutto… e non mi lascerò distruggere da certa gente che mi ferisce e nemmeno mi conosce!
A fine mese deciderò sul da fare almeno per quanto riguarda il secondo lavoro e sarò io a decidere e non loro! La mia vita e la mia salute è più importante di tutto il resto!

Vi saluto. Alla prossima.

Muriel



Commenti